Attenzione, questo browserAdobe Flash Player



FAQ


Quanto dista La Fondazione Lisio dal centro di Firenze? Qual'è il mezzo più veloce per raggiungere il centro? Ci si arriva facilmente con il trasporto pubblico?
Il centro di Firenze si raggiunge facilmente in autobus, ma si può arrivare anche a piedi. Due linee dell’autobus cittadino (linea 31 e 32) fermano in prossimità delle Fondazione, una ogni 10 minuti, nei giorni feriali. L’altra linea (la linea 41) circola più raramente, ma la fermata si trova più vicina alla sede delle Fondazione ed il viaggio verso il centro è più rapido (circa 10-20 minuti). Camminando per circa mezz’ora si può raggiungere piazza Ferrucci, dove fermano molti autobus che portano in città.

Quanto dista la stazione ferroviaria più vicina? E’ possibile raggiungere altre città durante i fine settimana?

A Firenze la stazione ferroviaria più vicina è Santa Maria Novella, raggiungibile con gli autobus 31 e 32 che portano in piazza San Marco a dieci minuti dalla stazione.

Dalla stessa stazione è possibile raggiungere altre città.

Un viaggio in treno per Pisa dura circa 1 ora, per Roma un’ora e mezza, per raggiungere Milano e Venezia occorrono circa tre ore. Siena si raggiunge con bus extraurbani, in circa 45 minuti, ogni ora parte una corsa dalla stazione delle autolinee, in prossimità di S. Maria Novella. Le principali capitali europee sono collegate all’aeroporto di Firenze (e a quello di Pisa con voli low cost). I corsi della Fondazione sono a carattere intensivo: non è consigliabile allontanarsi per viaggi all’estero durante il corso.

Ci sono pause per il pranzo durante i corsi? A che ora?
Ogni appartamento affittato agli studenti dispone di una cucina, e anche nella sede dei corsi esiste una cucina, condivisa con chi lavora alla Fondazione. L’interruzione per il pranzo è fissata fra le 12,30 e le 13,00 e dura un’ora. Gli studenti provvedono alla preparazione dei propri pasti e alla pulizia.

Come sono gli alloggi? Quanti studenti vi prendono posto?
Ci sono tre appartamenti a disposizione, di diverse dimensioni, con bagno e cucina. In due di essi possono risiedere due persone, nel terzo possono abitare da tre a quattro studenti. Vivere nei pressi della sede dei corsi permette di dedicarsi all’apprendimento con più energia e concentrazione. Il costo molto competitivo è studiato per favorire gli allievi, in una città dagli affitti costosi la residenza Lisio è una soluzione senza fronzoli, ma dignitosa.
Vivere all’interno della struttura favorisce anche la creazione di una mini comunità di persone che condividono gli stessi interessi.

Oltre alla progettazione Jacquard, presso la Fondazione si insegnano altre tecniche?
La Fondazione organizza un calendario di corsi articolato, il calendario completo si trova su .....
I corsi impegnano circa 40 ore alla settimana: non vi è tempo residuo da dedicare ad altri corsi.

Esistono scuole in cui studiare l’Italiano vicine alla Lisio?
A Firenze vi sono molte scuole di lingua per stranieri, ma durante il corso non vi è tempo a disposizione per questo tipo di attività.

Nel corso “Il damasco, un ordito mille possibilità” il programma prevede che i progetti vengano campionati presso delle industrie: questo vale per tutti i corsisti? O solo per alcuni progetti selezionati?
Ogni studente ha la possibilità di far tessere uno dei propri progetti, ma non è obbligato a farlo.

I telai della scuola sono pilotati da cartoni forati o da interfacce digitali? Quanti disegni si possono mettere in opera?
Cinque dei telai sono pilotati da cartoni forati, uno è collegato al computer. Gli studenti possono realizzare più progetti, quanti sia possibile, compatibilmente con il diritto degli altri corsisti di usare le attrezzature, le foratrici, la legatrice e gli stessi telai.

E’ cura degli studenti procurare i filati da usare in trama? I materiali che non venissero forniti saranno reperibili a Firenze, dove potrei acquistarli?
La scuola fornisce tutti i materiali di consumo per la tessitura dei campioni. Gli orditi sono in seta e abbiamo uno scaffale di filati disponibili da usare in trama. Chi lo desidera può comunque portare filati per tramare. Agli studenti è chiesto di portare carta e quaderni per i propri appunti, carta trasparente, pennarelli e matite colorate, pennarelli a punta fine. Una lente contafili ed aghetto ricurvo per le lezioni di analisi del tessuto.
In caso gli studenti non fossero in grado di reperire questi ultimi possono noleggiarne presso la Fondazione, contattare la segreteria: la quantità è limitata.


Vuoi iscriverti alla nostra newsletter? Clicca qui.
 


 
Un progetto Aperion.it - Web & Seo Agency


 
This website is out of date. We are working on our new website, for updated information call +39 055 6801340, check our Facebook page or send us an email