Telai Manuali Jacquard
Sui nostri antichi telai manuali prendono forma pregiati velluti operati ricci, tagliati e cesellati, broccati con sete, oro e argento, nei disegni classici, tramandati dalla tradizione tessile o progettati secondo le esigenze del committente. Tra i vanti, la capacità dei nostri tessitori - nonché abili tecnici - di conservare, riadattare e riportare in vita questi antichi ed affascinanti strumenti, adattandoli a tutte le necessità.
per i velluti

Telaio Boston

Il nome gli fu attribuito a seguito di una importante produzione del velluto "Palio II" per il Museo Isabella Steward Gardner di Boston nel 2004. Monta fino a 6400 fili semplici.

per i velluti

Telaio Istrice

Rimasto famoso per la produzione del velluto "Istrice" per la relativa Contrada senese.

per i broccati

Telaio Samurai

Il telaio Samurai ha alle sue spalle lavoro di grande pregio tra cui la famosa produzione di Baguette Fendi. Viene così denominato dalla produzione del broccato Samurai di disegno settecentesco.

per i velluti uniti e a più corpi

Telaio Serenissima

Il "Serenissima" rimase smontato per molti anni. Nei primi mesi del 1990 si ebbe l'inaugurazione per la rimessa in funzione, a seguito di una lunga ricostruzione avvenuta grazie agli abili tecnici tessitori della Fondazione. E' tra i pochi telai ancora esistenti a poter tessere un rarissimo velluto a tre corpi - il Serenissima appunto, un campione del quale fa parte oggi delle collezioni del Metropolitan Museum of Arts di New York - impiegando per il pelo di fondo e quello di pelo un totale di oltre 12.000 fili. Solo la cantra è in grado di contenere infatti 3072 bobine. Attualmente viene adoperato, con le opportune modifiche tecniche, per la produzione di un velluto unito che verra impiegato nei parati delle stanze reali del Palazzo Reale di Dresda.

per i velluti uniti

Telaio Tintoretto

E' il più giovane tra i telai in produzione. E' stato appositamente costruito per la produzione - assieme al telaio Serenissima - di oltre 300 metri di velluto unito per il Palazzo Reale di Dresda.

per i velluti cesellati

Telaio Wilanów

Il telaio Wilanów è così chiamato per l'illustre progetto di ricostruzione storica della tappezzeria della Camera da letto del Re al Palazzo di Wilanów a Varsavia.

Per damaschi e broccati sperimentali

Telaio Takemura

Il telaio Takemura è l'unico telaio ad interfacciarsi con un computer. Viene utilizzato infatti per la sperimentazione di disegni e pattern che nascono dal laboratorio di progettazione CAD , in digitale quindi, e permette alla macchina Jacquard di acquisire i dati in digitale e non per mezzo dei cartoni, come avviene per tutti gli altri telai.

Telai per la didattica

L'aula destinata alla didattica - inserita nell'area di manifattura proprio per il supporto tecnico che i nostri tessitori possono fornire - ospita ben cinque telai ed è un vero e proprio laboratorio di tessitura manuale. Ad ogni studente è destinato un telaio per lo studio e l'apprendimento della tecnica.

Su richiesta, è possibile noleggiare un telaio in loco per le produzioni personali.