Dal nostro Archivio: i pregiati tessuti Lisio
Giuseppe Lisio negli anni si servì della sua campionatura di tessuti antichi per elaborare insieme ai disegnatori - ai quali affidava il compito di progettare e disegnare le Messe in Carta - nuovi tessuti che rispondessero alle esigenze del mercato e al gusto del tempo, ma soprattutto che esprimessero quella filosofia lisiana della difesa di uno stile italiano di altissimo livello.

Il recupero dei temi rinascimentali unito alla pregevolezza delle stoffe Lisio, si rivelò una strategia vincente che oltre a conquistare il gusto della clientela nazionale, ottenne grande apprezzamento anche oltre confine.

La Manifattura Fondazione Lisio continua ad attingere dal repertorio storico dei tessuti Lisio, proponendo di volta in volta nuove sperimentazioni di colore e di strutture, dando vita a prodotti assolutamente unici e contemporanei.

Ecco una selezione di alcuni dei pattern messi a telaio da Giuseppe Lisio nei primi decenni del Novecento:
velluto cesellato operato

Velluto "Scaccato"

  • Composizione: orditi di fondo e di pelo in seta 100%, trame in seta 100% 
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 60 cm

Un disegno semplice ma di grande eleganza, che ha attraversato i secoli senza perdere il suo fascino: il motivo è ripreso da un damasco originale del secolo XVI, di cui ripropone, in velluto, la contrapposizione di due toni dello stesso colore.

velluto cesellato operato lanciato

Velluto "San Marco"

  • Composizione: orditi di fondo e di pelo in seta 100%, trame in seta 100% e in oro
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 60 cm

Il complesso disegno geometrico fondato sull'intreccio di figure circolari, è ripreso da quello di un mosaico del pavimento di una delle più belle chiese del mondo: San Marco a Venezia. La prima volta che venne messo a telaio il “S. Marco” da Giuseppe Lisio è stato intorno al 1926. Eseguito con la tecnica raffinata del velluto cesellato che contrappone i diversi toni di luce del pelo riccio e del pelo tagliato, esalta particolarmente le forme essenziali dell'arredamento moderno e contemporaneo.

Gros de Tours liseré broccato

Broccato "Agnolo"

  • Composizione: 65 % seta; 35 % oro/argento
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 60 cm

Questo broccato è stato prodotto per la prima volta verso la fine degli anni Trenta. La sua fonte di ispirazione è da rintracciare nel manto della Madonna ritratta da Agnolo Gaddi nell’Incoronazione della Vergine conservata alla National Gallery di Londra. Ancora oggi la Fondazione Lisio produce su un telaio a mano questo tessuto caratterizzato da un disegno semplice ed elegante che trova la sua efficacia nelle variazioni cromatiche delle trame broccate e negli effetti luminosi del controfondo.

Velluto tagliato operato

Velluto "Gigliato"

  • Composizione: orditi di fondo, di pelo e trama, in seta 100%
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 60 cm

L’eleganza di questo velluto prodotto da Lisio a partire dal 1928 circa, è data dalla perfetta armonia dei diversi elementi del disegno, tra loro e rispetto al fondo. I motivi sono distribuiti con un andamento orizzontale caratteristico dei tessuti della prima metà del XVII secolo; alcuni di essi come i tronchetti puntinati a “S” fanno parte ancora del repertorio del tardo Cinquecento, mentre altri come le piccole cornucopie o i gigli stilizzati, sono pienamente barocchi.

Gros de Tours liseré lanciato e broccato

Broccato "Veronese"

  • Composizione: orditi di fondo e trama in seta, oro e argento
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 130 cm

Il "Veronese" cominciò ad essere prodotto intorno al 1915 riproponendo la tecnica e il disegno di un esemplare della metà del XVII secolo. Del modello seicentesco, il dipinto della Giustizia presso il Palazzo Ducale veneziano di Paolo Veronese, Lisio trascrisse fedelmente sia l’impianto compositivo sia gli elementi maggiori e quelli più piccoli messi in diagonale che conferiscono movimento al disegno. I cambiamenti invece vennero apportati allargando il rapporto del disegno e delineando i motivi solo con broccature in due diversi tipi di oro e argento e sostituito l’effetto di luce prodotto dalla lamina che ricopriva il fondo, con slegature della trama di fondo e di una trama lanciata, ottenendo un riuscitissimo effetto cangiante.

Velluto cesellato operato sfumato

Velluto "Palio I"

  • Composizione: orditi di fondo, di pelo e trama in seta 100%
  • Tessitura realizzata su telaio Jacquard manuale di fine Ottocento
  • altezza: 60 cm

Il disegno di questo velluto creato in due varianti, riproduce con fedeltà quello di un tipico velluto cinquecentesco prodotto a Firenze dalla metà circa del secolo XVI per un intero secolo. Il velluto “Palio I” venne messo a telaio per la prima volta da Giuseppe Lisio nel 1925.

#ilpregiodellalentezza

La nostra tessitura manuale in seta

La produzione dei tessuti è rigorosamente condotta su telai Jacquard manuali. L'intervento del tessitore è parte fondamentale della creazione: attenzione progettuale, scelta di filati preziosi ed esecuzioni accurate sono gli elementi di spicco della nostra tessitura che fanno dei nostri prodotti esempi esclusivi di artigianato d'eccellenza.

dove trovare i nostri pregiati tessuti nel mondo

I Nostri Rivenditori

I nostri tessuti di pregio sono disponibili anche all'estero presso Turnell & Gigon, nostro distributore esclusivo per Londra e Irlanda del Nord, Catherine Mabire, il nostro agente in Francia, WWTS i nostri agenti in Russia e Marcello Boss per gli Stati Uniti.